sabato 1 novembre 2008

Discriminazione

In questi giorni (anche oggi, che se non ricordo male è festivo) sono oberato di lavoro.
Sembra che tutte le navi del mondo abbiano deciso di fare scalo a Trieste, e tutti gli armatori si siano innamorati della "mia" agenzia. 'zzo ti lamenti, direte voi. Non siamo mai contenti... se c'è poco lavoro piangiamo il morto, se è troppo ci lamentiamo.
Comunque mi è capitato di guardare un Tg (pessima abitudine. Devo smettere, lo so...) dove si parlava di una cosa nuova. Nessuno ne ha mai sentito parlare... il crack Alitalia.
C'erano alcuni personaggi (sindacalisti? esperti? boh...) che cianciavano come al solito: "Blah blah blah occupazione blah blah piano industriale blah blah ammortizzatori sociali blah blah blah sicurezza ". Tra un blah e una cazzata mi giunge alle orecchie che i poverelli che perderanno il lavoro saranno messi in cassa integrazione. Provvedimento che potrà durare fino a sette anni.
MINCHIA!
SETTE ANNI???
Questi potranno stare sette anni a casa e prenderanno una quota parte del loro attuale stipendio.
Perchè io non posso fare lo stesso?
Sarebbe bello. Domani metto in vendita l'agenzia.
Basta navi, basta svegliarsi alle 3 della mattina perchè un marinaio filippino si è perso o perchè un ispettore di compagnia vuole tornare a casa e non sa chiamarsi un taxi.
Basta lavorare sabati, domeniche, festivi, prefestivi, isole comprese.
Basta pagare circa il 50% di quello che guadagno in tasse.
Basta espletare adempimenti burocratici assolutamente e palesemente inutili.
Basta sopportare la vista di gente che non fa altro che generare carte inutili e auto-referenziarsi per proteggere il proprio posticino di potere piccolo piccolo.
Vendo, cerco una cordata di amici che facciano finta di comprare l'agenzia, e nel frattempo mi metto in cassa integrazione. Sono onesto: al 50% dello stipendio.
Per 5 anni, non 7. E in quei 5 anni mi invento un altro mestiere... magari il collaudatore di materassi. O prendo il brevetto da elicotterista. O vado a zappare la terra. O...
Basta sognare. Io devo continuare a lavorare. Se non lavoro, non mangio ecc ecc...
Ma ho un sospetto: il sistema è fatto in modo che io lavori, perchè sono più conveniente da lavoratore che da cassintegrato.
Mettere 10.000 persone in cassa integrazione per 7 anni significa probabilmente che quelle 10.000 persone sono meno convenienti da lavoratori che da cassintegrati.
Sono forse dei guastatori? Qualcuno magari... ma tutti e 10.000 non credo.
Allora perchè la collettività deve accollarsi le spese per pagare la cassa integrazione? Se domani si prosciugasse l'adriatico, il sottoscritto si troverebbe con una mano davanti e una dietro. E si ingegnerebbe a far qualcosa per campare, magari da qualche altra parte vicino al mare (senza il "freatellone blu" mi manca l'aria).
Di quei 10.000 magari qualcuno ne avrà davvero bisogno della cassa integrazione... chi per due mesi. Chi magari per un anno. Arrivo a capire anche due anni, in casi particolari. Ma se non sei appartenente ad una categoria protetta, ed in DUE anni non riesci a levarti dal culo, sei come i panda. E come dice un mio amico: devi morire.

No, non ce l'ho con i panda. Per maggiori chiarimenti circa la filosofia de "il panda deve morire" visita http://ilpandadevemorire.wordpress.com/perche-il-panda-deve-morire/

Alla prossima...

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Visto che oggi anch'io ho lavorato tutto il giorno -forse "supervisionato" è più preciso...-, visto che Bimbi è da mammà, visto che non ho voglia di gavazzare con gli amici, ho finito la giornata scrivendo qualche minchiata; e siccome tutti i salmi finiscono in gloria, mi sono fatto un giro per di qua, per trovare un link che mi riporta a casa mia.
Che avesse ragione 2001 Odissea nello spazio sostenendo che l'uomo attraversa l'universo per ritrovare sè stesso?
About Alitalia: è la madre di tutti i panda e come tale dovrebbe morire: girano però i coglioni a pagargli anche il funerale...
Cosa vuoi che dica?
Alègher, me amìs...
Dottordivago

TuttoQua ha detto...

In effetti i coglioni girano parecchio, frullano piu' che altro. E poi ho sempre pensato anch'io la stessa cosa: se succede qualcosa alla mia azienda, sono cazzi dell'azienda e miei, a me nessuno viene a togliermi dai guai. Questi qui invece dobbiamo tenerli li' a fancazzare per 7 anni a nostre spese? E ma allora il problema non era salvare la compagnia di bandiera, era evitare che i sindacati s'incazzassero? Quindi Alitalia puo' fallire senza alcun problema, l'importante e' salvare questi 7.000 lavoratori e le loro famiglie! Ma scusate, ma i Sindacati non falliscono mai?? Ma chi cazzo li paga, dove li pigliano i soldi questi?? Non riesco a capire come mai il Comunismo sia morto dappertutto, perfino in Italia, ma che ci siano ancora i Sindacati in giro...