lunedì 5 gennaio 2009

Ridere, disobbedire, riflettere

Il mio amico Dottordivago nei giorni scorsi si è lamentato perchè la gente ha perso il senso dell'umorismo. E siccome so che il buon doc ha un senso dell'umorismo genuino e assolutamente comprensibile, penso che il grosso del problema stia nell'ignoranza diffusa che ormai permea la società. Ma non voglio ammorbare il lettore con un trattato su "umorismo e sociologia spicciola": voglio semplicemente, come al solito, strappare un sorriso facendo qualche riflessione.
Chi si è preso il nostro senso dell'umorismo? Io ricordo distintamente che anni fa si rideva e scherzava più spesso, anche tra sconosciuti. Spesso una battuta, sapientemente piazzata da chi ha il "tempo comico" giusto, aiutava a sdrammatizzare un evento spiacevole, e creava rapporti, amicizie.
Qualche anno fa ordinai, presso un negozio di autoricambi, un pezzo per il mio scooter. Una cosa da nulla: un pezzetto di plastica che, a detta del commesso:"costerà 3 euro". Bene, dopo qualche giorno mi presentai in negozio. Al momento di pagare, il commesso disse:"un attimo, controllo il prezzo sul computer". Io estrassi una banconota da 5 euro... ma mi accorsi che lui cambiava espressione. Con occhio stupito e preoccupato mi disse:"accidenti, costa 12 euro".
Vista la sua faccia, e vista la banconota che avevo in mano... il bastardo che è in me prese il sopravvento. Tirai fuori dal portafoglio un biglietto da 10, porsi le banconote al commesso dicendo sommesamente:"pazienza, vorrà dire che questa sera i bambini non avranno il dolce". Lui cercò invano di distogliermi dall'acquisto: io fui irremovibile. Dopo qualche minuto gli spiegai che stavo scherzando: non solo non avevo figli... ma grazie al cielo 9 euro di differenza non mi cotringevano a rinunciare al dolce. Ci facemmo una sonora risata, e per farmi perdonare gli pagai un caffè. Ancora adesso quando vado in quel negozio scherziamo su quell'episodio... ma oggi non lo rifarei più. Non perchè sia meno bastardo di allora (anzi...) ma perchè è molto difficile trovare una persona disposta ad accettare lo scherzo, o come direbbe un mio amico che ha studiato... la cèlia.
E questo mi riporta alla domanda sopra: chi ci ha rubato il senso dell'umorismo? Io credo che siano state le condizioni in cui viviamo, e le pressioni dei media. Ogni giorno l'ambiente esterno ci spaventa con qualche nuova minchiata: il terrorismo islamico, la SARS, la disoccupazione, la criminalità, i Rom... scopo del gioco è spaventarci per poterci controllare meglio. Un uomo che non ha paura, ma che anzi sorride e affronta gli imprevisti con un pizzico di umorismo è pericoloso, perchè non è controllabile. Un uomo che invece è preda delle paure sarà sempre fedele al padrone... chiunque esso sia: il governo, il datore di lavoro, il capo... eccetera.
Qualcuno potrebbe dire che quelle citate sopra non sono minchiate.
Bene... andiamo con ordine:
- terrorismo: quante persone conoscete che sono morte di terrorismo islamico? Tiro a indovinare: 0
- SARS: come sopra... dovevamo morire tutti di influenza dei polli, e siamo ancora qui.
- disoccupazione: mi vanto di non conoscere NESSUNO che sia disoccupato da oltre un mese. Se hai voglia di lavorare, pare che si riesca sempre a trovare qualcuno disposto a sfruttarti...
- criminalità e immigrazione: oramai vanno a braccetto, secondo i media. Sei criminale? Sei immigrato. Sei immigrato? Sei criminale. Anche qui, conosco ben poche vittime della criminalità comune...

Invece conosco PERSONALMENTE vittime di incidenti stradali, di incidenti sul lavoro, di malversazioni economiche che li hanno portati sul lastrico... ma quello è meglio non sottolinearlo troppo, a parte qualche proclama ogni tanto: c'è il rischio che la gente si accorga davvero dove sta il pericolo.
Quindi noi siamo sempre più impauriti, e sempre meno propensi a ridere e scherzare. Lo so che "risus abundat in ore stultorum" (e adesso vi tocca andare a cercare il dizionario latino... ahahah) ma a me piace moltissimo una battuta attribuita al buon Bakunin: "Sarà una risata che vi seppellirà!". :-D

4 commenti:

Storvandre ha detto...

scherzare è una cosa difficile. richiede la capacità di spaventare un po', ma non troppo, e richiede di avere ben chiaro, quindi, cosa è reale e cosa non lo è.

di questi tempi, la maggior parte delle persone pensa già di vivere in un gigantesco scherzo, e quindi l'unica cosa che li farebbe veramente ridere sarebbe qualcuno che gli dicesse: guarda, era tutto una cèlia (:-P), sei su candid camera, avrai mica creduto che gli aerei vanno contro i grattacieli, che un dislessico caratteriale governa il mondo, che una finanziaria che fallisce all'altro capo del mondo ti fa perdere il posto di metalmeccanico in italia......... ma sei proprio un credulone!!!

Tuttoqua ha detto...

L'umorismo ce l'ha rubato l'ignoranza. E l'ignoranza e' il metodo migliore per controllare le masse: lasciare la gente nell'ignoranza consente a chi detiene il potere di fare quel che gli pare senza ricevere troppe domande. Ad esempio, non sono un fan di Grillo, ma tra le tante cose che dice ritrovo un messaggio molto significativo: dobbiamo informarci, dobbiamo studiare e dobbiamo capire. Dobbiamo, cioe', essere pronti a fronteggiare le fregature che ci arrivano da tutte le parti. Avendo la testa sulle spalle e sapendo come rintuzzare gli attacchi sono sicuro che ci tornera' anche il sorriso. Bel POST, come sempre ;-)

Anonimo ha detto...

L'umorismo ce l'hanno rubato quelli che ricevono e reinviano sms ed email "spiritosi", senza metterci niente di proprio; gli stessi che quando sono con gli amici si mostrano a vicenda sms e foto sul cellulare, invece di raccontarsi quattro cagate.
Dai e dai, il cervello si siede...
Dottordivago.

ilpirata ha detto...

il problema non è che la testa si siede, ma dove si siede.
A qualcuno si accomoda sulla cacca che ha al posto del cervello, altri cercano di sedere ma non trovano il cervello e quindi cascano come pere mature.
La gogliardia e il senso dell'umorismo diventa merce rara, cercate di conservarla, perchè fra non molto varrà come il tartufo.