giovedì 15 maggio 2008

Krk (Veglia)

Chi non è abituato a sentir chiamare le cose con due nomi, oppure non ha buona memoria... è fregato. Tutto il territorio che va da Trieste a Spalato è stato conteso per anni da vari pretendenti, e i nomi dei luoghi sono spesso traduzioni di traduzioni di traduzioni... Koper (Capo d'Istria), Opatja (Abbazia), Rijeka (Fiume) e Krk (Veglia) sono solo alcuni esempi.
Veglia (nonostante suoni "nostalgico", proprio non riesco a chiamarla Krk) è grande quanto l'Isola d'Elba, ed è incastonata tra la costa dalmata e l'Istria. E' collegata alla terraferma da un maestoso ponte, per accedere al quale occorre passare dalla famosa Bakar, meglio nota come Buccari (prima foto). Fu teatro di un fatto storico abbastanza noto, durante la prima guerra mondiale: chi volesse approfondire trova un po' di informazioni qui: Beffa di Buccari.
Una volta attraversato il ponte, ci si ritrova su un'isola con una vegetazione bassa ma abbondante, e che talvolta ofrre degli scorci mozzafiato. Ad esempio, la foto qui a fianco è stata scattata sulla strada che porta a Baska, uno dei piccoli paesini che punteggiano la costa frastagliata. Le isole che si vedono in lontananza sono Grgur e la tristemente nota Goli Otok (Isola calva). L'Isola Calva, così denominata a causa del suo aspetto (è una piccola isola rocciosa battuta dalla bora e quasi priva di vegetazione), è divenuta tristemente famosa nel secondo dopoguerra quale sede di un campo di concentramento destinato ad ospitare gli oppositori al regime di Tito.
Il centro abitato più grande ha lo stesso nome dell'isola, e si trova sulla costa Sud. Il turismo ancora non ha completamente stravolto questi luoghi, che in periodi diversi dall'altissima stagione mantengono una dimensione umana, e consentono di godersi in santa pace le bellezze naturali.
Chi ha costruito questa casa sulla scogliera la sapeva lunga... o forse non temeva i reumatismi.



1 commento:

krk ha detto...

Ciao, mi fa piacere che l'isola sia piaciuta anche a te, io ne sono innamorato.
Quella casa sulla scogliera e in continua manutenzione a causa della salsedine e delle onde che arrivano fino alle finestre quando c'è vento e il tempo è brutto.
Spero che tornerai nuovamente sull'isola.
MaurizioG